Seguici su:

DieciConceptStore - Diary


Fino all'ultimo Respiro
Fino all'ultimo Respiro di Jean - Luc Godard

Ogni rivoluzione ha bisogno di un manifesto. Nel caso della Nouvelle Vague, movimento cinematografico nato a Parigi alla fine degli anni ’50 ce n’è uno universalmente riconosciuto (“I 400 colpi” di Francois Truffaut) e poi c’è quello più personale, che varia da cinefilo a cinefilo, perché in fondo la nuova onda si basa sulla libertà individuale. Il mio personalissimo manifesto è “Fino all’ultimo respiro”, film del 1960 di Jean - Luc Godard. A questo e, in particolare, a Patricia sono ispirati gli outfits di oggi. Prima però vi voglio raccontare la storia di un gruppo di giovani cinefili francesi che ha rivoluzionato il Cinema. Stanchi di film che seguivano unicamente le regole del cinema classico (ancora presente nei nostri schermi, basta pensare all’esempio sopraffino di Clint Eastwood), alcuni giovani appassionati, che avevano già riempito le pagine dei Cahiers du Cinema, ispirati dai film “maledetti” di Jean Renoir, Roberto Rossellini, Jaques Becker, Alfred Hitchcock e Howard Hawks, decisero di riprendere “lo splendore del vero”. I loro nomi?!… Francois Truffaut, Jean - Luc Godard, Jacques Rivette, Claude Chabrol ed Eric Rohmer. Budget quasi inesistenti, storie autobiografiche, scenografie a cielo aperto o vere e proprie case, luci naturali, mancanza di immedesimazione da parte dello spettatore, stratagemmi fantasiosi, montaggi innovativi e tanta voglia di sperimentare mettendo sempre in primo piano la macchina da presa, la sua presenza e il suo movimento; queste sono le caratteristiche base del cinema moderno che ha ispirato contemporanei poeti dell’immagine come Wong Kar-Wai e Bernardo Bertolucci. Ora, prendete un bel respiro, si torna al film di oggi! Michel Poiccard è un carismatico, sfrontato ed irresistibile ladro e truffatore. Dopo aver rubato un’auto a Marsiglia, fugge in direzione di Parigi, ma nel tragitto non esita ad uccidere un poliziotto per non essere arrestato. Si rifugia nella capitale prima di scappare in Italia, ma qui incontra Patricia, una ragazza americana che si mantiene gli studi in Francia vendendo copie del quotidiano New York Herald Tribune lungo gli Champs Èlysèes. L’impavido ladruncolo non resiste al suo fascino e cerca di convincerla a seguirlo, ma Patricia è una ragazza decisa e intelligente che segue le sue passioni senza aver paura di faticare per arrivare a realizzare ciò che desidera. Il must di Patricia son le righe. Non c’è di meglio che degli shorts ed una maglia leggera a righe larghe con maniche a tre quarti per far fronte a questa prematura estate, condita da fresche brezze improvvise, per passeggiare in città e svolgere piccole commissioni o per distribuire copie del quotidiano più in voga. Le righe però, sono perfette anche per appuntamenti più importanti. Chi lo sa, vi potrebbe capitare di dover intervistare uno scrittore di fama internazionale e allora perché non scegliere una gonna lunga color avorio in tulle, abbinata ad una maglia a maniche corte con righe sottili e scollo a V, impreziosita da simpatici bottoni, per risaltare il vostro lato romantico, sofisticato e sbarazzino. In entrambi i casi Patricia indosserebbe dei sandali bassi, per salire agilmente le scale della metro o percorrere gli infiniti viali parigini. Inoltre, per avere un block notes e la vostra penna fortunata sempre a portata di mano, non c’è nulla di meglio che una borsetta a secchiello! La nostra protagonista è anche, e soprattutto, una donna corretta, sia con se stessa che con gli altri. Sà che l’uomo di cui è innamorata è un fuorilegge e per prima cosa decide di non seguirlo in Italia, di anteporre se stessa, il suo bene, la sua indipendenza e libertà. A volte, quando si ama, si compiono gesti incomprensibili che hanno lo scopo di aiutare l’altra persona a riconoscere gli sbagli e fare ammènda. Per questo, mi piace pensare che denunciare Michel alla polizia sia un estremo atto d’amore di Patricia. La giustizia spesso trascende tutto, anche il cuore.

1° - Outfit Patricia Mood:

Maglia e Shorts Set Fashion,Ballerine Cheville modello Catherine

2° - Outfit Patricia Mood:

Maglia Des Petits Hauts,Gonna Leon & harper,Borsa a secchiello Toffole bags,Sandali Cheville modello Alice

Rubrica scritta da Giada Marcon

Modella : Lara Franch

Foto : Silvia Geron

Ispirazione : Fino all'ultimo Respiro di Jean - Luc Godard

 

31

Fino all'ultimo Respiro

31

Fino all'ultimo Respiro

31

Fino all'ultimo Respiro

31

Fino all'ultimo Respiro

31

Fino all'ultimo Respiro

31

Fino all'ultimo Respiro

31

Fino all'ultimo Respiro

31

Fino all'ultimo Respiro

31

Fino all'ultimo Respiro

32

Fino all'ultimo Respiro

38

Fino all'ultimo Respiro

32

Fino all'ultimo Respiro

30

Fino all'ultimo Respiro

Shop Online:

0 - 3988 - Benvenuta Primavera

Scrivi un commento

Share: